Dizionario di Fisica

 Fotone (“quanti di luce”o "quanti di radiazione"), particella elementare portatrice di una quantità finita e indivisibile di energia elettromagnetica.

Moto browniano, stato di agitazione (o movimento caotico) delle molecole di un fluido per effetto della loro temperatura.

Sistema Galileano, sistema di riferimento immobile che Galileo illustra come un sistema di assi che abbia il centro nel baricentro del sole e direzione lungo tre stelle fisse. Esso è un sistema rispetto al quale si può caratterizzare la quiete o il moto di un corpo.

Principio di Relatività di Galileo: “E’ impossibile mettere in evidenza il moto traslatorio rettilineo uniforme di un sistema di riferimento con esperienze di natura meccanica eseguite all’interno di esso.” - (Dettagli)

Etere, una sostanza imponderabile capace di riempire tutti gli spazi dell'universo non occupati da materia (un sistema di riferimento privilegiato per le onde elettromagnetiche). La teoria dell'etere cosmico venne abbandonata dopo l'esperimento di Michelson-Morley.

Esperimento di Michelson-Morley, i due ricercatori Michelson e Morley valendosi di uno speciale interferometro, eseguirono nel 1887 una celebre esperienza, dalla quale avrebbe dovuto risultare uno spostamento delle frange di interferenza se la velocità della luce si fosse composta con quella della Terra rispetto all'etere. Esse risultarono identiche di conseguenza l'ipotesi dell'etere cosmico doveva essere abbandonata. - (Dettagli)

Massa gravitazionale, è definita in base alla legge di gravitazione universale (F=GmM/R2), secondo cui due corpi aventi masse uguali rispettivamente a m e M interagiscono per mezzo di una forza attrattiva di intensità direttamente proporzionale al prodotto delle due masse e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza.

Curvatura dello spazio, le leggi secondo le quali i corpi solidi si dispongono nello spazio e non concordono esattamente con le leggi spaziali della geometria euclidea. I concetti di retta e piano perdono in fisica il loro esatto significato.

Onda elettromagnetica, si indica una combinazione di campi elettrici e magnetici, che si propagano nello spazio con le modalità tipiche della propagazione ondosa.

Processo di fissione, consiste nella scissione dei nuclei di atomi pesanti, quali l'uranio ed il torio. L'urto di un neutrone lento divide il nucleo di un atomo di uranio in due frammenti, di massa approssimativamente uguale. In seguito alla divisione si ha l'emissione di neutroni veloci e la liberazione di una notevolissima quantità di energia.

Buco nero, definito per la prima volta nel 1969 dal fisico John Wheeler come oggetto in stato di totale collasso gravitazionale. Esso indica una regione dello spazio-tempo da cui non può sfuggire nulla, neppure la luce, a causa della gravità fortissima che vi domina.

Cosmologia, studio dell'Universo nella sua totalità.

Quark, la sua origine si trova in una frase enigmatica di un romanzo di James Joyce."Tre quark per il Signor Mark!". Essa è una particella elementare (carica) soggetta alla forza forte. Tanto il protone quanto il neutrone sono composti ciascuno da tre quark.

Pulsar, stelle di neutroni, sorgente di brevi impulsi radio ripetuti nel tempo con grande regolarità. Essa ha un'enorme densità di materia, generalmente, ha massa pari a quella del Sole e diametro di una decina di chilometri. Determina un forte campo magnetico e ruota rapidamente su se stessa a un'asse che non coincide con quello magnetico.

Astrofisica, ramo dell'astronomia, che studia la struttura fisica dei corpi celesti e ne determina massa e dimensioni, formazione ed evoluzione.

Atomo, la più piccola particella di un elemento capace di conservarne le caratteristiche chimiche. Esso è costituito da un nucleo centrale, attorno al quale ruotano delle particelle chiamate elettroni. Il nucleo dell'atomo contiene un certo numero di neutroni e protoni.

Big Bang, teoria del, identifica la nascita dell'universo da una grande esplosione iniziale. Secondo questa teoria, la materia, che si trovava in uno stato di densità elevatissima, si espanse molto rapidamente e durante questo processo la temperatura si ridusse considerevolmente; l'idrogeno e l'elio si condensarono, formando le stelle e le galassie.

Quanto, l'unità indivisibile in cui possono essere emesse o assorbite onde.

Quanti, teoria dei, (o meccanica quantistica) essa viene sviluppata a partire dal principio quantistico di Planck e dal principio di indeterminazione di Heisenberg. Il primo afferma che: "l'idea che la luce (o qualsiasi onda classica) possa essere emessa o assorbita solo in quanti discreti, la cui energia è proporzionale alla frequenza". Il secondo invece afferma che:"non si può mai essere certi sia della posizione sia della velocità di una particella; quanto maggiore è la precisione con cui si conosce l'una, tanto meno esattamente si può conoscere l'altra".